MOSTRE “Dutch Self-Portraits”. L’arte del selfie è del XVII secolo

di Francesca Spanò

Avevate mai pensato che il selfie  è una pratica antica quasi quanto la navigazione oceanica? Eh sì, perché l’arte di rappresentare se stessi si diffonde nel medioevo, prendendo piede proprio in Europa Settentrionale, e assume completa dignità artistica in periodo rinascimentale.

Il Mauritshuis di Den Haag propone così, dall’8 ottobre 2015 al 6 gennaio 2016, la mostra “Dutch Self-Portraits. Selfies of the Golden Age“, per celebrare gli autoritratti più significativi dell’Età dell’Oro dei Paesi Bassi.

Il “selfie a pennello” rappresenta una delle forme di espressione più efficaci della pittura olandese nel XVII secolo e coinvolge artisti leggendari come Jan Steen, Rembrandt, Carel Fabritius e Gerrit Dou, che saranno infatti esposti all’Aja.

27 dipinti guideranno i visitatori attraverso diversi tipi di autoritratto: il gentiluomo della media borghesia, le pose familiari, le scene di vita e l’artista nell’atto di dipingere, categoria quest’ultima estremamente rappresentata nei Paesi Bassi.

Il visitatore potrà così osservare l’artista nella sua quotidianità professionale e privata. E scoprire come l’arte di “fotografare” se stessi sia cambiata nel corso dei secoli.

 

SHARE

Noi siamo qui 365 gg (circa), tra le 5 e le 10 volte al giorno, con tutto quello che tocca sapere per vivere meglio in Olanda.

Sostienici, se usi e ti piace il nostro lavoro: per rimanere accessibili a tutti, costiamo solo 30€ l’anno

1. Abbonatevi al costo settimanale di mezzo caffè olandese:

https://steadyhq.com/en/31mag

2. Se non volete abbonarvi o siete, semplicemente, contenti di pagarlo a noi il caffè (e mentre lavoriamo quasi h24, se ne consuma tanto) potete farlo con Paypal:

https://www.31mag.nl/abbonati/

3. Altrimenti, potete effettuare un trasferimento sul nostro conto:

NL34TRIO0788788973

intestato al direttore Massimiliano Sfregola
(causale: recharge 31mag)

Altri articoli