Molte scuole primarie riformate olandesi disapprovano ancora le relazioni omosessuali. Lo scrive il programma giornalistico investigativo Pointer (KRO-NCRV). Nelle più recenti guide scolastiche online di 36 delle 161 scuole protestanti nei Paesi Bassi, la contrarietà alle relazioni tra persone dello stesso sesso o al matrimonio tra persone dello stesso sesso è esplicita, dice NOS. Due anni fa, erano 29 su 163 scuole, ha detto Pointer. La maggior parte delle scuole scrivono: “La sessualità nella Bibbia ha a che fare con la formazione di un’unione indissolubile in un matrimonio tra un uomo e una donna, ed è posta alla luce di questo”.

Il Ministero dell’Istruzione, della Cultura e della Scienza (OCW), dice a Pointer che l’indagine per accertare discriminazioni nelle scuole religiose non ha rilevato violazioni di legge ma si impegna a monitorare discriminazioni concrete.

Due anni fa, l’ex ministro dell’Istruzione Slob, esponente del partito confessionale Christen Unie, ha ricevuto molte critiche sui social media e alla Kamer dopo un dibattito sulle lezioni di educazione civica. In esse, ha affermato che le scuole religiose hanno il diritto di esprimersi contro l’omosessualità in una dichiarazione, purché vi sia parità di trattamento di tutti gli studenti.

In seguito, il ministro aveva fatto marcia indietro.