La Chiesa protestante nei Paesi Bassi (PKN) non fa abbastanza per monitorare i possibili fenomeni di abusi sessuali, scrive un un gruppo di lavoro che indaga sulla questione nella chiesa olandese.

Il gruppo raccomanda a PKN di pretendere una dichiarazione di buona condotta da parte di migliaia di volontari e professionisti che operano nella chiesa, per dimostrare che non avevano precedenti penali specifici, scrive Trouw.

Il gruppo PKN ha fatto molto per sensibilizzare e educare le persone sugli abusi sessuali nelle chiese negli ultimi anni, implementando codici di condotta per pastori e operatori religiosi e linee guida per i centri di ascolto per le vittime.

Ma il gruppo non è tuttavia soddisfatto: nonostante i passi avanti manca ancora una riflessione globale sugli abusi da parte dei vertici della chiesa protestante. Per migliorare l’immagine della chiesa stessa, il gruppo suggerisce l’istituzione di consultori confidenziali per coloro che volessero denunciare abusi.