Il video-messaggio furioso di Sara Lou, giovane belga musulmana residente a Molenbeek, che si scaglia contro i suoi coetanei che hanno messo a ferro e fuoco la cittadina dell’hinterland di Bruxelles durante la notte di Capodanno, è diventato virale.

 

Auto date alle fiamme, negozi saccheggiati e camion dei vigili del fuoco assaltati: “Avete fatto un bel regalo ai partiti di destra, bravi! Ora i media parleranno solo di questo.” dice ironicamente Lou, 27 anni di Bruxelles, attiva come educatrice e speaker radiofonica.

 

“Ci sono persone che hanno lavorato tutta la vita per costruire questa comunità, che si sono spesi perchè tuoi nonni imparassero a leggere e perchè tu possa andare a scuola per costruire il futuro che desideri. E tu cosa fai? In quell’ora di noia, ti sei dedicato a distruggere tutto?

E ancora “Quando ti sei sentito un grande? Quando hai distrutto la pensilina dell’autobus dove tua madre aspetta l’autobus? Quando hai saccheggiato la farmacia dove tuo padre compra le medicine per tua nonna? Dai, spiegamelo, non lo capisco “.