Gli avvocati del pentito di Mocro Maffia, Nabil B. sono nel mirino della criminalità e la loro vita è a rischio, scrive NOS, sulla base di informazioni dell’intelligence. La conferma dei fatti è avvenuta dall’avvocato Peter Schouten al De Telegraaf.

A NOS Radio 1 Journaal, Schouten dice di essere stato informato un mese e mezzo fa. Anche il suo collega Onno de Jong e il giornalista Peter R. de Vries, confidente di Nabil B., sarebbero in serio pericolo.

“Ovviamente sapevo che c’era questo tipo di pericolo quando ho deciso di difendere B.”, dice Schouten, “ma è assurdo che come avvocato si corrano questi rischi”.

Secondo De Telegraaf, questa è una minaccia concreta in relazione al processo di contro Ridouan Taghi e altri sospetti. Il primo avvocato di B., Derk Wiersum, è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco nella sua casa di Amsterdam-Buitenveldert il 18 settembre 2019, ricorda NOS, e il fratello di Nabil B. era già stato ucciso.

Taghi è stato arrestato a Dubai lo scorso dicembre e il suo braccio destro R. è finito in manette in Colombia due mesi dopo.

Stando al Telegraaf, i due avvocati non intendono lasciare l’incarico: “Penso sia importante operare in modo trasparente”, dice a proposito del fatto di non aver scelto l’anonimato. “Abbiamo un sistema legale che funziona bene. Deve rimanere così. Se posso contribuire un po ‘, la cosa mi rende felice”.

Secondo l’avvocato, il servizio di intelligence NCTV non li ha informati a dovere sul tipo di pericolo che corrono. “Penso che tutti coloro che fanno questo tipo di lavoro dovrebbero essere informati nel dettaglio se sta succedendo qualcosa del genere”.