Virologi e operatori sanitari sono rimasti delusi dalle misure annunciate ieri per fermare l’avanzate del coronavirus. Il presidente dei Verdi fiamminghi Meyrem Almaci li capisce e dice che i colleghi dovrebbero considerare di tenere a casa i bambini dalle scuole, tenendo conto che i dati Covide stanno aumentando, dice VRT.

Il ministro fiammingo dell’Istruzione Ben Weyts si è sempre opposto con forza all’idea: “Questa dovrebbe essere l’ultima misura”.

I virologi e il personale ospedaliero sono rimasti delusi ieri perché il governo non ha adottato misure forti per frenare il Covid. Il virologo Marc Van Ranst parlava di “un’occasione persa” e ha espresso la sua profonda preoccupazione. “Potremmo essere fortunati e vedere le cifre calare, ma se stiamo entrando in una terza ondata questo non è abbastanza”. Secondo gli esperti, i più grandi focolai sono proprio le scuole e i posti di lavoro

Mentre vengono proposti i test Covid a tutti coloro che non possono lavorare da casa, era prevista anche la chiusura delle scuole, ma invece non è stata presa alcuna decisione in questo senso, dice il canale tv fiammingo. Alle scuole sono stati assegnati dei compiti: devono elaborare “un piano dettagliato ed efficace” per fermare il virus entro lunedì.

“Penso che dovremmo mantenere apertura mentale. Non è bianco o nero, e dovrebbero essere prese in considerazione anche altre misure, ma allo stesso tempo dovremmo davvero considerare di tenere a casa i nostri studenti”, ha detto la leader dei verdi fiamminghi Meyrem Almaci.