Da oggi, I luglio, altre misure anti-corona introdotte dal 15 marzo, verranno rilassate. Di fatto, con l’eccezione dei grandi eventi e con l’obbligo di mantenere la distanza di 1,5m, le attività tornano in larga parte a prima dell’emergenza corona.

A proposito del distanziamento sociale: per i minori di 12 anni non esiste obbligo; per gli adolescenti tra 12 e 18 anni non esiste obbligo tra di loro ma quando saranno a scuola, dovranno tenere le distanze con gli insegnanti.

Ecco una lista delle novità in vigore da oggi, già annunciate dal governo:

Trasporti pubblici: seduti e indossando mascherine non sarà più obbligatorio mantenere le distanze di 1,5m a bordo.

Eventi all’aperto: seduti, con prenotazione obbligatoria e distanziamento sociale, saranno consentito di nuovo e senza un tetto massimo di partecipanti. Senza prenotazione, il numero massimo è 250.

Eventi al chiuso:  condizioni come quelli all’aperto ma con un numero massimo di 100 persone, staff escluso. Se c’è stata prenotazione ed è possibile mantenere le distanze, tuttavia, il numero massimo non si applica.

Stadi: riaprono ma i tifosi non potranno alzarsi o cantare

Terrazze dei locali: cade l’obbligo della distanza, a patto che il locale abbia inserito degli schermi protettivi tra i tavoli

Red Light: riaprono le vetrine e i bordelli ma le prostitute dovranno seguire i protocolli comunali

Sport: saune e palestre possono riaprire e possono riprendere anche gli sport agonistici.

Case di cura: le visite saranno di nuovo possibili e senza limiti

Ancora nulla da fare per le discoteche e la vita notturna in genere. Se ne riparlerà a settembre.