Secondo il premier olandese Mark Rutte, anche se il missile che martedì ha colpito un villaggio polacco alla frontiera ucraina, non fosse stato lanciato dai russi, quelli sarebbero comunque i responsabili: “questo non sarebbe successo senza gli orribili attacchi della Russia contro l’Ucraina”, ha detto Rutte mercoledì dopo l’incontro con i membri del G7 e della NATO presenti al vertice del G20 a Bali .

“Continuiamo a sostenere l’Ucraina nella sua difesa contro l’aggressione russa”. Il missile ha colpito l’est della Polonia, provocando due vittime, ma allo stato attuale delle informazioni note, non sembra certo sia stato lanciato dalla Russia.

Secondo gli USA potrebbe trattarsi di un missile deviato dall’Ucraina.