Dato che l’uso del Green Pass belga (CST) è stato ampliato a Bruxelles ed è previsto in Vallonia, il ministro federale della sanità Frank Vandenbroucke ha espresso il suo sostegno affinché venga implementato sul posto di lavoro, dice De Standaard.

Il Belgio sta già cercando di rendere obbligatoria la vaccinazione per il personale sanitario, tuttavia, non c’è unanimità nell’esecutivo federale.  Politicamente, Vandenbroucke sembra essere uno dei pochi sostenitori di questa particolare misura.

“Quello che sto per dire non è consentito dalla nostra legislazione, ma penso che le aziende dovrebbero poter chiedere il CST”, ha detto a De Standaard. Con il CST, una persona può dimostrare di essere stata completamente vaccinata, recentemente risultata negativa o guarita dal virus nell’ultimo semestre.

Dal 15 ottobre è obbligatorio nell’horeca, nei centri sportivi e nei club di Bruxelles, tra gli altri, e sarà adottato allo stesso modo in Vallonia dal I novembre.

Vandenbroucke ha riconosciuto che estendere l’uso alle aziende potrebbe essere difficile da un punto di vista legislativo, ma che dovrebbe essere richiesto, almeno, nei grandi centri commerciali, dove molte persone si riuniscono in circostanze spesso rischiose dal punto di vista epidemiologico.

“Possiamo farlo domani. Basterebbe modificare l’accordo di cooperazione con le entità federative. Ma ora non è permesso. Non c’è sostegno politico per questo”, ha detto.