Le woning corporatie, cooperative che gestiscono il patrimonio immobiliare pubblico, dovrebbero vendere
dovrebbero vendere le proprietà più costose del loro stock e utilizzare il denaro per costruire più alloggi nel settore controllato. Lo dice il ministro per la questione abitativa Stef Blok, in un’intervista al quotidiano Trouw.

In totale, le woning corporatie possiedono un portfolio di 75.000 abitazioni nel “vrij sector” il settore dove il prezzo d’affitto è libero, offerte a più di 710 € al mese. ‘Le cooperative stanno solo accumulando denaro, quando potrebbero spenderlo per il loro obiettivo statutario,’ ha detto Blok al giornale.

L’Olanda, nei prossimi anni, avrà bisogno di altre 100.000 proprietà nel settore controllato e le corporatie stanno offrendo ai loro inquilini un ‘disservizio’ non costruendo di più, ha detto il ministro.

Tuttavia, le corporatie danno la colpa allo stop a nuovi alloggi, proprio al ministro: a causa di una sovratassa introdotta da Blok, gli alloggi sociali sarebbero non più convenienti. In totale, la somma di 1,7miliardi pagata ogni anno dalle cooperative all’erario, sarebbe -a detta di queste- un vero salasso.