Tra i 13 militari a cui è stato negato l’accesso alle armi in seguito all’affare Conings, molti non hanno ancora recuperato questo accesso e alcuni sono addirittura oggetto di un’inchiesta giudiziaria e uno di loro è ancora sospeso, dice Sudpressee, ripreso da 7sur7, citando l’ufficio del ministro della difesa, Ludivine Dedonder (PS).

“Per alcuni soldati, un’indagine interna approfondita non è ancora stata completata. Queste persone sono oggetto di un’indagine giudiziaria o di una valutazione approfondita da parte di tutti i servizi di sicurezza interessati. In questo contesto, un soldato è stato sospeso per la durata dell’inchiesta. Gli altri sono ancora in servizio nelle loro unità originali, ma in una posizione che non richiede un’autorizzazione di sicurezza o l’accesso ad armi e munizioni”, ha detto il gabinetto.

“Per la maggior parte delle persone contro le quali sono state prese misure preventive e protettive, queste sono state ritirate dopo un’indagine approfondita e una consultazione con i servizi partner (Ocam, Sicurezza dello Stato e Polizia Federale). Le persone interessate hanno quindi potuto riprendere le loro funzioni senza alcuna restrizione”, ha aggiunto la fonte.