The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

VLUCHTELINGEN

Migranti, preoccupazione per il “decreto sicurezza”: l’Olanda non rimanda in Italia i richiedenti asilo

Il timore è che possano finire in strada. In attesa che il servizio immigrazione studi la nuova normativa italiana, sospese le espulsioni

I richiedenti asilo, “dublinanti” – migranti che hanno fatto domanda in un altro paese UE- con figli minorenni a carico per il momento non verranno rimandati in Italia, a causa dell’entrata in vigore del “decreto sicurezza” approvato di recente. 

Il servizio immigrazione, vuole prima accertarsi che quei richiedenti asilo -una volta respinti in Italia- possano contare su un alloggio. Secondo la nuova legislazione,  solo i migranti con permesso di soggiorno e i minori non accompagnati possono accedere ai centri, scrive NOS.

Le persone possono rimanere nei centri per richiedenti asilo fino a sei mesi. Per una città come Milano, ciò significa che 900 dei 4.000 migranti ospitati, finiranno presto in strada.

Nella prima metà di quest’anno sono stati identificati 3950 dublinanti, nei Paesi Bassi. All’Italia, in questo periodo, è stato chiesto di riaccoglierne 1150.

Il Raad van State, il Consiglio di Stato, si esprimerà domani sul ritorno dei richiedenti asilo in Italia. All’udienza, l’IND non avrà ancora una risposta alla domanda se l’accoglienza delle famiglie con bambini in Italia sia adeguata, perché l’indagine conoscitiva è ancora in corso. Questo è il motivo per cui tutti i casi che coinvolgono famiglie con figli minorenni saranno sospesi fino a conclusione dell’inchiesta interna.

Finchè non sarà possibile accertare le conseguenze del decreto sicurezza, Vluchtelingenwerlk, il Consiglio olandese per i rifugiati chiede al governo di garantire che le procedure di persone vulnerabili vengano comunque valutate, soprattutto se non è chiaro quali siano le conseguenze della nuova legge in Italia.


31mag.nl è un progetto indipendente di giornalismo partecipativo.
Raccontiamo gli esteri da locals, non da corrispondenti o inviati.

Diamo il nostro apporto all’innovazione nei media con news, reportage e video inediti in italiano.
Abbiamo un taglio preciso ma obiettivo.

Recharge us!