Il presidente russo Vladimir Putin ha accusato di parzialità il team di indagine sull’MH17 . In un’intervista trasmessa dalla televisione austriaca, Putin ha suggerito che l’assenza di esperti russi nell’inchiesta vuol dire che il punto di vista del suo paese non è stato adeguatamente rappresentato, dice l’agenzia stampa russa Sputnik news.

Secondo Putin, anche l’Ucraina utilizza armamenti di fabbricazione russa quindi senza un’indagine alla quale il suo Paese sia invitato a far parte, le conclusioni rimarrebbero parziali.

“Devono essere prese in considerazione tutte le tesi, inclusa quella della Russia”, ha affermato. “Giustizia può essere fatta solo se esperti nominati dalla russia possono partecipare” E ancora: “È un’enorme tragedia ed è terribile quello che le famiglie hanno attraversato, ma l’indagine deve essere obiettiva.”

La scorsa settimana il ministro degli esteri olandese Stef Blok ha formalmente, insieme al suo omologo australiano, accusato la Russia del disastro aereo fornendo come prova il fatto che il missile abbattuto sia stato sparato da una piattaforma russa dalla base militare russa di Kursk.

298 persone a bordo morirono, tra cui 196 cittadini olandesi. La Russia nega qualsiasi coinvolgimento.