Ieri il primo ministro belga Alexander De Croo e il suo omologo francese Jean Castex hanno reso omaggio alle vittime degli attacchi terroristici del 22 marzo 2016 a Bruxelles. Tuttavia, Castex è risultato positivo poco dopo la cerimonia di deposizione della corona di fiori in memoria delle 32 vittime.

Alla cerimonia hanno partecipato anche la ministra dell’Interno Annelies Verlinden, quella degli Esteri Sophie Wilmès, il ministro della Giustizia Vincent Van Quickenborne e la ministra della Difesa Ludivine Dedonder. Da ieri sono tutti ora in quarantena.

La cerimonia è stata organizzata subito dopo la riunione bilaterale sulla lotta contro il terrorismo di lunedì. L’idea della deposizione della corona di fiori è nata durante l’incontro, ha detto un addetto stampa del governo francese all’agenzia di stampa Belga.

“L’idea è nata abbastanza inaspettatamente. Un tale evento è molto importante: i nostri due paesi sono stati duramente colpiti dal terrorismo e il processo degli attentati di Parigi si svolge attualmente nella capitale francese”, ha aggiunto l’ufficio stampa.

Tuttavia, dopo che il primo ministro francese Jean Castex è risultato positivo al coronavirus, tutti i ministri presenti – tra cui De Croo – hanno annullato i loro impegni precedenti e si isoleranno fino a quando non riceveranno i risultati di un test mercoledì. Secondo quanto riportato da Le Soir, è probabile che Castex abbia contratto il virus da sua figlia, anch’essa risultata positiva.

CoverPic@Alexander De Croo/Twitter