Negli ultimi anni, più della metà delle scuole che avevano optato per il passaggio alla cosiddetta formazione di Steve Jobs, sono nuovamente tornate all’istruzione tradizionale, scrive il Volkskrant, dopo aver aver avuto contatti con le 46 scuole coinvolte. La maggior parte cita i costi elevati imposti dall’iniziatore Maurice de Hond come motivo per abbandonare la linea di “solo iPad”.

Le scuole partecipanti devono pagare un importo mensile di 9 euro a studente. In una scuola media olandese, che ammonta a circa 20 mila euro l’anno, è una somma che molte scuole faticano a permettersi. Un’altra denuncia comune è l’insoddisfazione per il metodo educativo; alcune scuole hanno lamentato che De Hond ha cercato di costringerle ad organizzare la scuola a modo suo.

Attualmente 14 scuole olandesi usano ancora il metodo O4NT di De Hond. Quando  il nuovo modello  educativo è stato lanciato nel 2012, De Hond sperava che tra le 100 e le 200 le scuole avrebbero poi adottato il sistema entro il 2016.

Il fondatore del portale di sondaggi “Peil.nl” ha difeso se stesso e il suo modello educativo al Volkskrant: “Il nostro metodo non funziona se lo adotti solo a metà: deve essere un approccio ben strutturato, che richiede formazione e orientamento, e quindi denaro”.