Il mercato immobiliare è in stallo, anche se l’offerta è  aumentata a Novembre. Lo riporta l’indice Funda, che monitora ogni mese lo stato del mercato immobiliare olandese.

Nonostante a novembre si sia visto un aumento dell’offerta, con più proprietari disposti a vendere, il numero degli acquirenti è ancora nettamente superiore.

La competizione è alta e molti potenziali acquirenti sono disposti a fare più concessioni sul prezzo o sugli spazi, per ottenere un appartamento. Un sondaggio mostra che il 52% delle persone in cerca di casa non si aspetta di trovarla o crede di avere scarse possibilità.

Secondo il CEO di Funda, Quintin Schevernels, la competizione è un ostacolo soprattutto per chi ha un budget limitato fino a 400mila euro. Quasi il 70% degli acquirenti scende a compromessi e questo significa che la maggior parte di chi compra casa non ha trovato esattamente  quello che cercava.

A causa della pandemia sono cambiate anche le tempistiche. Funda mostra che circa la metà delle persone ha voluto cambiare i propri piani, rinunciando ad esempio all’acquisto di una casa o mettendo in vendita la propria. Il lavoro da remoto ha influenzato queste dinamiche.

In molti casi la vendita si è accelerata. Secondo Schevernels questo potrebbe portare a un rilassamento del mercato.