Menu a domicilio e food delivery saranno i grandi protagonisti di questa Pasqua 2021, ancora impegnata con il lockdown e le restrizioni anti Covid. Una tendenza che ha preso ancora più piede nel 2020 e si è consolidata nel tempo, caratterizzata da trasformazioni, miglioramenti e un’offerta vastissima. Tra i più popolari troviamo pacchetti pasto di lusso, colazioni e brunch, riferisce l’ANP.

Nell’estate del 2020, thuisuiteten.nl ha iniziato a offrire pacchetti pasto da circa 40 ristoranti gourmet, una vera e propria esperienza di consumo all’insegna del take away. Tuttavia, dopo l’enorme successo di San Valentino, i ristoratori si aspettavano una crescita progressiva, cosa che non è avvenuta fino ad adesso.

Dal momento che non sarà possibile mangiare fuori casa anche questa Pasque e visto che i consumatori hanno alte aspettative anche tra le mura domestiche, sono stati ordinati il triplo dei pacchetti. “Ciò significa che le persone festeggiano la Pasqua con più amici e familiari”, afferma un portavoce di thuiseten.nl.

Inoltre, la piattaforma Cooklikeachef, ha notato che la maggior parte degli ordini per il weekend sono per tre o più persone, quindi tre volte tanto gli ordini effettuati l’anno scorso. “Abbiamo notato che le persone godono di un pranzo di lusso più che di una cena a causa del coprifuoco”, afferma la piattaforma.

Ma non sono solo i ristoranti gourmet ad offrire nuove opportunità. Per esempio, l’allevamento di polli Baambrugge ha aveva già iniziato a consegnare scatole per la colazione e il brunch l’anno scorso, ha raggiunto quest’anno un aumento del 15% sulle vendite.

Anche il ristorante di frittelle Schollebos si è fatto notare afferma di essere “uno dei pochi” ad aver venduto colazioni pasquali, ricevendo quest’anno tra le 80 e le 90 registrazioni e spera nell’aggiunta di ordini dell’ultimo minuto.

La Royal Dutch Hospitality Union (KHN) si è congratulata con le aziende del settore dell’ospitalità per le “iniziative creative” adottate in un momento in cui per rimanere in contatto con i propri clienti. Tuttavia, il KHN, avverte che “dobbiamo anche notare che non vale la pena per tutti”.