Oltre tre medici di base su quattro ha problemi a trovare casa e per questa ragione, non secondo un sondaggio del Landelijke Huisartsen Vereniging (LHV)  di cui scrive Trouw. Il 77% dei 1800 medici di base intervistati da LHV ha indicato di avere problemi ad espandere il numero di pazienti o a trovare nuovo studio. Il 43% afferma di non poter accogliere nuovi pazienti e il 40% non può assumere o formare personale aggiuntivo. A causa di questi problemi, i medici di base a volte lasciano il distretto dove operano, dice l’inchiesta.

Il presidente di LHV Mirjam van ‘t Veld vede già una carenza di medici generici in alcune aree del paese, “Fortunatamente si stanno facendo investimenti nella formazione dei medici di base, ma poi serve spazio anche nelle pratiche”, racconta al quotidiano. Per formare un medico generico, è necessaria una stanza in più in uno studio.

“Se più pazienti vogliono registrarsi, lo studio del medico di famiglia può espandersi. Ma anche in questo caso devi avere spazio sufficiente per quello”. Senza spazio, il numero dei pazienti diventa “chiuso”.

I medici generici hanno ricevuto sempre più compiti negli ultimi anni, gli anziani vivono a casa sempre più a lungo e devono poter consultare rapidamente il loro medico che dovrebbe essere effettivamente nel loro stesso quartiere e non a chilometri di distanza, afferma LHV.

Il denaro che arriva dal ministero per pagare lo studio copre solo una parte delle spese e i medici hanno problemi a trovare casa, esattamente come il resto dei residenti.