Tassisti avrebbero pagato migliaia di euro per anni per il costoso privilegio di operare dall’aeroporto di Schiphol, ha rivelato NRC nel fine settimana. L’articolo ha basato le sue accuse su e-mail, documenti e registrazioni o interviste con oltre 60 tassisti.

Le tre società al centro dell’inchiesta sono Schiphol Taxi, BIOS Group e Schiphol Service che insieme hanno vinto l’unica concessione di taxi ancora operativa dopo la liberalizzazione del settore nel 2000. Tutti negano qualsiasi addebito.

Al centro dell’inchiesta ci sarebbe l’ex ufficiale di polizia Gamis el Bouakili, di Schiphol Taxi che per anni avrebbe combinato la direzione della società con un lavoro come alto ufficiale, pretendendo una mazzetta di € 5.000 euro dai conducenti per la possibilità di raccogliere clienti a Schiphol.

Un autista che lavora per BIOS Group ha ricevuto la richiesta del pagamento di un importo di € 15.000 per guidare un taxi per l’azienda. La consegna dei soldi è avvenuta in contanti.

Secondo i conducenti, nonostante numerosi rapporti e denunce, la polizia e l’ufficio delle imposte non hanno mai preso provvedimenti. La polizia , i marechausssee che è incaricata della sicurezza in aeroporto, ha dichiarato al giornale che la questione era “preoccupante.

El Bouakili, che ha detto al giornale che avrebbe collaborato pienamente alle indagini, affermando che le accuse sono arrivate da “conducenti scontati in cerca di vendetta”. Ha anche detto che i 5.000 € citati da alcuni conducenti erano una “garanzia” ma poi dedotti dal costo di un’auto Tesla acquistata attraverso la compagnia.

El Bouakili ha anche affermato di non essere stato licenziato dalla polizia, ma che si è dimesso volontariamente. Un portavoce di Schiphol ha affermato che l’aeroporto sta prendendo sul serio i risultati del documento e collaborerà all’indagin.