I dati personali di milioni di residenti in Olanda erano illegalmente disponibili per la vendita online su un sito. I dati sono stati rubati grazie a un maxi leak da RDC, una società che fornisce servizi informatici alle officine automobilistiche. Questo maxi leak include indirizzi di casa, numeri di telefono, indirizzi e-mail, targhe e date di nascita,  riferisce NOS sulla base di una propria ricerca.

L’emittente ha trovato i dati in vendita online e ha contattato l’hacker che li offriva. Secondo l’hacker, la fuga di dati  include dati rintracciabili di almeno 7,3 milioni di persone, ma è possibile che la stessa persona appaia nel set più di una volta. RDC ha definito “realisticamente” 7,3 milioni di persone colpite, secondo NOS.

RDC offre alle officine servizi come la possibilità di inviare automaticamente un’e-mail ai loro clienti quando è il momento della loro ispezione APK. Alcuni dei dati rubati sono stati ottenuti dall’agenzia nazionale dei trasporti stradali olandese RDW. Esattamente come e quando i dati sono stati rubati, non è ancora chiaro. “L’indagine è ancora in pieno svolgimento. Abbiamo già segnalato il fatto all’autorità olandese per la protezione dei dati”, ha detto un portavoce di RDC a NOS. Il furto di dati sta diventando un crimine sempre più comune.

I dati includono anche auto che sono state acquistate dieci anni fa. Ma mentre la proprietà dell’auto può cambiare, altri dati personali probabilmente sono rimasti gli stessi.

“Per i criminali, queste sono informazioni super utili”, ha detto John Fokker, ricercatore di sicurezza presso McAfee, a NOS. “Le bande di criminali che mettono le mani su questi dati possono ora vedere con un clic di un pulsante dove sono le auto costose”. I dati personali possono anche essere interessanti per i truffatori online, e possono essere utilizzati per attacchi personali. Almeno un leader di partito in parlamento è interessato dalla fuga di notizie, secondo l’emittente. “Ora si sa dove vivono e che auto guidano”, ha detto Fokker.