INTERNATIONAL

INTERNATIONAL

Massacro di Gaza, l’Olanda non si intromette. Il ministro non chiederà spiegazioni all’ambasciatore israeliano. Proteste dall’opposizione: ipocriti

Il ministro Stef Blok, intervenendo alla camera sui sanguinosi fatti accaduti nei Territori palestinesi durante la cerimonia di apertura dell’ambasciata USA a Gerusalemme, ha annunciato che il governo olandese non convocherà -a differenza di quanto ha fatto l’esecutivo belga- l’ambasciatore israeliano per chiedere conto del comportamento dell’IDF contro i manifestanti palestinesi.

Secondo Blok c’è bisogno prima di un’indagine e se da un lato Israele ha probabilmente usato la forza in maniera eccessiva, dall’altra ha diritto di difendersi.

Di diverso avviso l’opposizione: Sadet Karabulut, deputata SP, ha citato le affermazioni di Amnesty International secondo la quale quello di lunedi è stato un “crimine di guerra” contro i palestinesi. Critico anche il D66, partito di centro-sinistra al governo: l’esercito israeliano ha compiuto un “bagno di sangue nel prigione a cielo aperto di Gaza”.

Per l’opposizione il governo si nasconde dietro un’improbabile indagine del governo israeliano per non dover prendere posizione.

Duro intervento anche da Denk

SHARE

Noi siamo qui 365 gg (circa), tra le 5 e le 10 volte al giorno, con tutto quello che tocca sapere per vivere meglio in Olanda.

Sostienici, se usi e ti piace il nostro lavoro: per rimanere accessibili a tutti, costiamo solo 30€ l’anno

1. Abbonatevi al costo settimanale di mezzo caffè olandese:

https://steadyhq.com/en/31mag

2. Se non volete abbonarvi o siete, semplicemente, contenti di pagarlo a noi il caffè (e mentre lavoriamo quasi h24, se ne consuma tanto) potete farlo con Paypal:

https://www.31mag.nl/abbonati/

3. Altrimenti, potete effettuare un trasferimento sul nostro conto:

NL34TRIO0788788973

intestato al direttore Massimiliano Sfregola
(causale: recharge 31mag)

Altri articoli