Il nome del premier Mark Rutte non è sulla lista ufficiale dei 29 leader mondiali che nei giorni passati hanno chiamato il presidente eletto Donald Trump dopo la sua elezione.

Il comunicato stampa inviato dal team di Trump Mercoledì, includeva il nome di presidenti, re e sceicchi; tra questi il cancelliere tedesco Angela Merkel, il premier Mattero Renzi, il presidente francese Francois Hollande e il primo ministro Theresa May. Ma il nome del premier olandese, quello no, non c’era.

Secondo un portavoce di Trump, Rutte ha chiamato Washington il Lunedi ma il suo nome sarà pubblicato Giovedi, insieme a quelli di altri leader. Perché il nome di Rutte sia stato omesso dal primo elenco non è chiaro.

Rutte ha scritto Martedi sul suo profilo ufficiale di essersi congratulato con Donald Trump per la sua elezione e di aver ‘sottolineato l’importanza di una stretta cooperazione’ tra i due Paesi.

Broadcaster NOS dice che la lista è stata pubblicata quando il New York Times ha scritto che Trump non poteva essere raggiunto e che alcuni leader stranieri aveva fatto ricorso a suonare il numero generale delle Trump Towers, nella speranza di trovare il presidente eletto sull’altra estremità.