The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

NL

Mappatura corona, le compagnie telefoniche forniranno dati sulla posizione dei clienti

Il governo prevede di costringere le compagnie telefoniche a consegnare i dati anonimi dei loro clienti all’istituto di sanità pubblica RIVM. Questo processo comprometterebbe gravemente la privacy, secondo l’agenzia olandese per la protezione dei dati Autoriteit Persoonsgegevens.

L’AP sta raccomandando al gabinetto di non andare avanti con la legge nella sua forma attuale, affermando che i funzionari hanno praticamente ignorato le sue precedenti raccomandazioni sul progetto di legge. I dati telefonici consentirebbero al RIVM di vedere come i privati ​​si spostano tra le diverse parti del paese. Se, ad esempio, ci fosse un nuovo focolaio di coronavirus a Zwolle e i dati mostrassero che un gran numero di persone provenienti da Assen erano state lì, allora il consiglio sanitario locale di Assen avrebbe potuto essere messo in allerta.

I funzionari affermano che la nuova legge consentirebbe l’attuazione di misure anti-coronavirus a livello locale o regionale. L’AP riscontra tre problemi principali con il progetto di legge. Sostiene che ci sono condizioni legate al modo in cui le informazioni sarebbero rese anonime, che la necessità di questa ricerca non è sufficientemente motivata e che le garanzie sulla privacy non sono state incorporate. Le compagnie telefoniche sono preoccupate per i costi della nuova legislazione perché dovrebbero creare nuove banche dati per archiviare le informazioni. Inoltre, i dati sarebbero di interesse per la polizia e i servizi di sicurezza, e anche questo è un rischio. “Un database può perdere informazioni”, ha detto il direttore dell’AP Alied Wolfsen all’emittente NOS. “Quindi altri possono accedervi e combinare i dati con altre informazioni. E sarebbe sbagliato”.