The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

NL

Manifestazione BLM ad Amsterdam, parla il capo della polizia

Il capo della polizia di Amsterdam Frank Paauw ha dichiarato durante il programma televisivo Op1 di essere stato sorpreso dal rapido aumento del numero di manifestanti che lunedì hanno protestato contro la brutalità della polizia a Piazza Dam. Altre fonti della polizia hanno però riferito a NOS che tra le fila delle forze dell’ordine si era a conoscenza del fatto che la protesta sarebbe stata affollata già ore prima che iniziasse.

Come la sindaca di Amsterdam Femke Halsema, Pauw ha affermato che è stata fatta una stima errata del numero di manifestanti, un errore che è stato commesso anche durante una manifestazione di Black Lives Matter a Rotterdam mercoledì. Il gran numero di manifestanti ha reso impossibile mantenere il distanziamento sociale sia durante la manifestazione di lunedì in Piazza Dam, sia in quella di mercoledì presso il Ponte Erasmus.

Gli organizzatori della manifestazione hanno dichiarato che avrebbero partecipato circa 250 o 300 persone. “Secondo la nostra esperienza, gli organizzatori forniscono un numero che si dimostra poi essere sempre più alto del numero delle presenze effettive”, ha detto Paauw. “Inoltre abbiamo utilizzato i nostri informatori e le nostre reti e abbiamo svolto un sondaggio sui social media. Questo metodo di intelligence ha stimato che il si sarebbe potuto raggiungere un massimo di mille persone”. Alla fine si sono presentate circa 5 mila persone.

Secondo fonti di NOS, nonostante la polizia si aspettasse la presenza di circa un migliaio di manifestanti, agli agenti di polizia nel centro di Amsterdam è stato riferito che ci sarebbe stata una piccola manifestazione in Piazza Dam con circa 250 partecipanti. Paauw ha dichiarato che valuterà come regolare il metodo di intelligence della polizia. “Apparentemente, ci manca una parte del radar che normalmente funziona bene.” Anche la protesta di Rotterdam, molto più grande del previsto, lo dimostra. Paaw crede che ci sono tre ragioni per cui la protesta di Amsterdam è stata così grande: “La manifestazione è stata alimentata da un sentimento molto intenso che è stato scatenato dalle immagini degli Stati Uniti circolate online per tutto il fine settimana. In più, il lockdown era appena terminato, era il lunedì di Pentecoste ed era bel tempo. La piazza si è riempita in mezz’ora “.

Alla domanda sul perché la polizia non sia intervenuta quando la piazza è diventata così affollata, Paauw ha dichiarato: “La nostra preoccupazione era che la manifestazione potesse infiammarsi facilmente. Se la polizia non si fosse comportata correttamente, le cose sarebbero potute sfuggire di mano. La polizia non dovrebbe comportarsi come la miccia del barile di polvere da sparo. Questo non è certamente un motivo per non agire, ma l’attenzione era rivolta al compito di assicurare che la manifestazione andasse a buon fine. Una volta intrapreso quel percorso, non potevamo fare molto altro”.