The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

RIGHTS

Manifestanti anti-aborto molestano donne nei pressi delle cliniche olandesi



Le donne che si recano alla clinica Gynaikon specializzata in aborti a Rotterdam sono sempre più vessate dai manifestanti anti-aborto, secondo il direttore della clinica Gerrit Zomerdijk. La clinica chiede l’intervento del comune di Rotterdam, riferisce RTV Rijnmond.

“Parlano con le donne, stanno lì con piccole bambole raffiguranti un feto, con un poster di un bambino non ancora nato o con la bocca chiusa da un pezzo di nastro“, ha detto Zomerdijk all’emittente locale: “Ufficialmente, possono stare solo dall’altra parte della strada, ma non si limitano a quello”.

Secondo Zomerdijk, l’intensità e la brutalità delle proteste stanno aumentando. I manifestanti hanno tappezzato i lampioni e l’ascensore che le donne devono usare per entrare in clinica con adesivi e cartelli con su scritto “l’aborto è un omicidio”. Secondo il direttore, sono gruppi formati da quattro a otto persone.

I manifestanti affermano di protestare per “le migliaia di bambini che vengono deliberatamente uccisi”, secondo RTV Rijnmond. 

Quasi tutte le 14 cliniche per aborti nei Paesi Bassi devono vedersela con proteste del genere, ha detto la portavoce Fiona Fortuin dell’Umanistisch Verbond, secondo quanto riportato da NOS

L’associazione ha quindi avviato a settembre un’azione di sostegno. “Quando abbiamo istituito una rete di supporto con ginecologi e medici, abbiamo sentito parlare di attacchi e molestie nei pressi delle cliniche”, ha detto. 

Il Vrelinghuis di Utrecht ha persino esposto un cartello per avvertire le donne della presenza di manifestanti aggressivi. 

L’associazione sta facendo pressione con le municipalità per creare zone cuscinetto intorno alle cliniche per proteggere le donne in situazioni vulnerabili. L’Humanistisch Verbond ha anche avvertito i politici del fatto che fondazioni come Siriz sarebbero responsabili di diffondere informazioni distorte sull’aborto.

Nel 2017 un totale di 30.523 donne ha affrontato un aborto nei Paesi Bassi, secondo NOS. L’11% delle interruzioni di gravidanza sono stati eseguite su donne straniere che scelgono o che sono costrette a venire ad abortire in Olanda a causa delle norme nei rispettive paesi di provenienza.






31mag.nl è un progetto indipendente di giornalismo partecipativo.
Raccontiamo gli esteri da locals, non da corrispondenti o inviati.

Diamo il nostro apporto all’innovazione nei media con news,
reportage e video inediti in italiano. Abbiamo un taglio preciso ma obiettivo.

RECHARGE US!