Nel secondo trimestre, la carenza sul mercato del lavoro è aumentata così tanto che tutti i gruppi professionali hanno avuto problemi di personale, riferisce l’UWV. La carenza di personale sta avendo sempre più conseguenze negative per l’economia  nei Paesi Bassi, dice NOS.

Il numero di posti vacanti è cresciuto del 44% e quello di persone con sussidi di disoccupazione è diminuito del 31%. Quindi c’erano più posti vacanti e meno persone a riempirli. Nel complesso, la carenza di manodopera nel secondo trimestre è stata doppia rispetto al 2021, dice NOS.

Nel primo trimestre, l’UWV ha già designato tutte le regioni del mercato del lavoro come in carenza: ora mancano anche guide di viaggio, imbianchini, muratori e autisti.  Il 75% dei gruppi professionali deve fare i conti con un mercato del lavoro molto ristretto. La carenza è stata maggiore tra ingegneri, elettricisti, tecnici delle macchine, infermieri e sviluppatori di software.

La carenza di manodopera ha un effetto negativo sulla crescita economica: non ci sono solo lunghi tempi di attesa a Schiphol o meno autobus e treni in funzione anche strutture come l’assistenza sanitaria e l’istruzione sono sotto pressione. “Per molto tempo l’economia ha determinato il mercato del lavoro. Ora che la carenza del mercato del lavoro ha assunto forme così estreme, quel rapporto sembra essersi parzialmente invertito”, ha affermato Frank Verduijn, consulente del mercato del lavoro presso l’UWV. 

Secondo Verduijn, i datori di lavoro possono anche dare un’occhiata ai processi di candidatura. “Per alcune posizioni è importante avere i diplomi giusti. Tuttavia, ci sono anche posizioni in cui le competenze sono più importanti dei diplomi. Ad esempio, i datori di lavoro possono anche valutare se tutte le competenze dovrebbero essere già presenti quando si fa domanda per un lavoro. Alcune competenze possono essere acquisito anche lavorando”, afferma Verduijn.