Dopo l’incidente della settimana scorsa, nel quale un agente aveva trascinato con la motocicletta un tredicenne ammanettato per il centro di Almere, i rappresentanti delle comunità locali Africana e Surinamese si sono mobilitati.

Secondo quanto riportato da Omroep Flevoland, un corteo di circa 50 persone ha manifestato ieri per le strade della città, consegnando una lettera (pagina 1, pagina 2) direttamente al sindaco Annemarie Jorritsma. Per i firmatari, raccolti attorno al centro sociale cittadino Comité Boni, “gli incidenti a sfondo razziale sono sempre più diffusi in Olanda e la polizia di Almere non fa eccezione”.

Dopo aver duramente criticato gli abusi di polizia e il razzismo istituzionale “nei confronti dei cittadini di origine Africana”, gli attivisti hanno infine chiesto un incontro con sindaco e polizia al fine di evitare ulteriori incidenti “pericolosi” e “degradanti”.

Il primo cittadino, per il momento, non ha commentato l’accaduto.