NL

NL

“Mai dire Gol all’olandese”: Lubach spiega la democrazia ai nederturks pro Erdogan

Lubach colpisce ancora: l’episodio di ieri del suo programma Zondag met  Lubach è un altro clamoroso successo su Internet. Un video della partita di calcio Turchia-Paesi Bassi con un commento alternativo sta spopolando su YouTube.

Il presentatore tv, divenuto celebre con il messaggio di benvenuto a Trump, emulato poi dai comici di mezzo mondo, ha presentato domenica una versione speciale de” la gara più divertente per i turco-olandesi “, fornendo un commento alternativo ad una partita di calcio giocata nel mese di settembre 2015, che la Turchia ha vinto 3-0 in Olanda. Un pò alla “Mai dire Gol”.

Nel filmato, il presentatore dice che il calcio spiega a perfezione perchè i turco-olandesi non dovrebbero appoggiare Erdogan: il breve video è riempito di commenti a sostegno della democrazia. Durante il suo spettacolo satirico di ieri Lubach aveva ampiamente discettato su “il lungo braccio di Ankara”. discutendo dell’influenza di Erdogan sugli olandesi di origine turca. Che è grande, ha detto Lubach, in parte perché molti turchi olandesi non sono ben integrati. L’integrazione fallita potrebbe anche essere dovuto al governo olandese.

Molti turco-olandesi sostengono Erdogan, mentre secondo il presentatore Lubach preferiscono vivere qui per i benefici economici e la democrazia.

(sottotitoli in inglese)

 

 

SHARE

Noi siamo qui 365 gg (circa), tra le 5 e le 10 volte al giorno, con tutto quello che tocca sapere per vivere meglio in Olanda.

Sostienici, se usi e ti piace il nostro lavoro: per rimanere accessibili a tutti, costiamo solo 30€ l’anno

1. Abbonatevi al costo settimanale di mezzo caffè olandese:

https://steadyhq.com/en/31mag

2. Se non volete abbonarvi o siete, semplicemente, contenti di pagarlo a noi il caffè (e mentre lavoriamo quasi h24, se ne consuma tanto) potete farlo con Paypal:

https://www.31mag.nl/abbonati/

3. Altrimenti, potete effettuare un trasferimento sul nostro conto:

NL34TRIO0788788973

intestato al direttore Massimiliano Sfregola
(causale: recharge 31mag)

Altri articoli