A Leeuwarden una macelleria ha festeggiato il 25° anniversario organizzando una festa in cui i clienti erano liberi di pagare con i fiorini olandesi, la valuta in uso prima che entrasse in vigore l’euro. Sebbene la festa sia stata un successo, il macellaio si è infine ritrovato a mani vuote perché la banca centrale olandese ha rifiutato le vecchie banconote.

“È davvero fastidioso, ma almeno non dimenticheremo la festa”, ha detto alla testata olandese AD il macellaio Johannes Hoekstra. “Ho pensato che fosse un’idea divertente e non mi aspettavo che la gente avesse effettivamente conservato tutti quei fiorini.”

Ai clienti è stato concesso di pagare i loro macinati e salsicce secondo i prezzi in vigore nel 1994. La festa è stata un successo, con un incasso totale di circa 7.000 fiorini, l’equivalente di 3.200 euro.

Alcune banconote accettate dallo staff di Hoekstra si sono poi rivelate dei falsi, come ad esempio una da 100 guilder con la testa di Geert Wilders. “Essendo abituati agli euro da anni, è stato difficile valutare l’attendibilità di tutte le banconote. Sicuramente non incolpo il mio staff… Le terrò come ricordo” ha commentato.

Hoekstra non si aspettava che la banca centrale non accettasse più i fiorini dalle società, ma esclusivamente da privati. Quindi, una volta arrivato in banca, il macellaio ha avuto una brutta sorpresa.

Quando collezionisti e clienti sono venuti a sapere della sua situazione, si sono offerti di ricomprargli i fiorini. Hoekstra non ha ancora deciso sul da farsi. “Se abbiamo effettivamente perso tutti i nostri soldi allora sì, questa potrebbe essere una soluzione”, ha detto. “Comunque vada, abbiamo avuto un buon fine settimana.”

I fiorini olandesi hanno perso completamente valore di scambio dal 1 ° gennaio del 2002. Nel 2017, la banca centrale ha stimato che in circolazione ci sono ancora circa 455 milioni di euro in fiorini.