Lussemburgo, sempre più lavori solo in inglese

L’inglese come l’unica lingua è l’idioma che i datori di lavoro lussemburghesi richiedono sempre di più per le assunzioni, con oltre la metà di tutti i lavori disponibili pubblicati dove è richiesta solo la lingua franca di oggi.

Nella prima metà dell’anno, il 60% degli annunci dell’agenzia per il lavoro Adem richiedeva che i candidati parlassero inglese. Il francese era il più richiesto con l’83% dei lavori che richiedevano la lingua, mentre il 46% richiedeva il tedesco e il 35% il lussemburghese.

L’inglese è sempre più richiesto come unica lingua, passando dal 52% del 2016, ha affermato il ministro del Lavoro Dan Kersch in risposta a un’interrogazione parlamentare, dice Luxtimes. La domanda di francese e tedesco è rimasta invariata rispetto a cinque anni fa, mentre il lussemburghese è sceso leggermente dal 36%.

I lavoratori nel Lussemburgo sono 484.409, di cui circa il 70% sono stranieri o frontalieri, afferma il sito dell’Adem: quasi il 90% della forza lavoro è impiegata nel settore privato, poco meno del 7% sono dipendenti pubblici e il resto sono lavoratori autonomi, mostrano i dati della Commissione Europea. 

Poco più del 67% dei lavori pubblicizzati nella prima metà di quest’anno richiedeva più lingue. La conoscenza dell’inglese e del francese era richiesta nel 16% dei lavori, lussemburghese, francese, tedesco e inglese nel 15% degli annunci, mentre appena il 13% dei lavori richiedeva le tre lingue ufficiali del Paese ma non l’inglese, dice Luxtimes.

Teoricamente, nel Granducato, per alcune professioni mediche sarebbe obbligatorio parlare le tre lingue ufficiali ma la norma è di difficile applicazione perché non c’è abbastanza personale che parli tutti e tre gli idiomi.

SHARE

Altri articoli