La qualità dell’istruzione superiore olandese è a rischio a causa dei tagli: la denuncia parte da studenti e personale universitario che hanno lanciato oggi la campagna di protesta ‘Normaal Academisch Peil’, “Livello accademico normale”. Per mantenere l’istruzione e la ricerca nell’accademia olandese all’altezza, secondo gli animatori della protesta è necessario investire circa 1,1 miliardi di euro in più.

“Ho molti compiti diversi e non svolgo nessuno di questi molto bene. Sono sovraccarico, devo deludere le persone tutto il tempo e spesso faccio metà del lavoro”, dice Belle Derks, accademica ad Utrecht.

La grande differenza con 15 anni fa è che ora l’attenzione è scomparsa sull’università e il carico di lavoro viene spostato sull’anello più debole, gli insegnanti a contratto. Il governo richiede un certo livello di istruzione dalle università e le università trasmettono tali richieste ai propri dipendenti, dice la Derks. L’unica cosa su cui puoi ancora tagliare è la ricerca: “fai di meno”.

Di fatto, la ragione per la quale in molti scelgono la carriera universitaria è venuta meno: più soldi significherebbero più accademici in classe che hanno davvero spazio per combinare la loro istruzione con un’agenda di ricerca attiva, prosegue al portale l’accademica.

I nostri studenti ora ricevono un’istruzione meno buona: spesso hanno davanti insegnanti temporanei e notano che i loro docenti sono oberati di lavoro e hanno poco tempo da dedicare. I docenti senza contratto a tempo indeterminato sono ora quelli più stressati, perché devono ancora mettersi alla prova per ottenere un contratto permanente.

Jan Overwijk, dottorando in filosofia sociale ad Amsterdam e docente di arti e scienze liberali a Utrecht lamenta la precarietà: “Sono nella fase finale della mia tesi, quindi non ho intenzione di fermarmi. Ma a volte considero un percorso professionale diverso”.

Molti giovani accademici devono competere per i pochi posti di lavoro a tempo indeterminato come docenti universitari e devono, quindi, “accettare lavoro extra: fare straordinari non pagati, assumerti responsabilità per le quali non sei pagato. Solo per mettere piede in un’università. In realtà, questo è solo sfruttamento strutturale”, spiega.

Il governo non ha l’Academia come priorità, lamentano i docenti, e il problema è che questi lavori da insegnante temporaneo non offrono spazio per la ricerca, perché hai tempo per questo solo con un contratto a tempo indeterminato. Ad esempio, il collegamento tra ricerca e istruzione sta scomparendo.

Fa tutto parte della “neoliberalizzazione” delle università: competono tra loro per gli studenti, perché sono pagate per ogni studente che ottiene un diploma, dice NOS. Ma poiché le università non sanno quanti soldi riceveranno in un anno, mantengono un ampio guscio flessibile di posti di lavoro temporanei per insegnanti, dice Overwijk.

Anche i college sono cresciuti di dimensioni, spiega al portale della tv pubblica Dahran Çoban, di Studenten Overleg (ISO). Non c’è quasi alcuna sensazione che gli insegnanti possano darti attenzione individuale come studente. Tutto è orientato alla velocità: l’università è una specie di fabbrica: l’enfasi è sulla laurea senza ritardi lungo il percorso. Questo funziona bene per alcuni studenti, che vogliono solo conseguire una laurea entro tre anni. Ma altri vogliono più attenzione per il loro sviluppo più ampio. Non c’è quasi più spazio per questo ora.