ART

ART

“Lunga vita a Rembrandt”: al Rijksmuseum lo celebrano artisti di tutto il mondo

Più di 8.000 persone – bambini della scuola elementare, artisti affermati, finance controller ed ebanisti – in 95 paesi hanno risposto al bando per presentare opere d’arte originali ispirate a Rembrandt. Una giuria di esperti ha selezionato 575 lavori proposti da un totale di 693 persone

Questi saranno inclusi nella mostra Lang Leve Rembrandt, che rimarrà aperta al pubblico dal 15 luglio al 15 settembre 2019, al Rijksmuseum.

Secondo Pieter Roelofs, presidente della giuria, la selezione e la cura di questa esposizione sono state una vera gioia: “Riusciamo proprio a vedere il maestro attraverso gli occhi degli artisti, come viene recepito, ammirato e soprattutto interiorizzato. Non è solo su Rembrandt, ma sul mondo dell’arte in generale”.

Alcuni artisti si sono ispirati allo stile di Rembrandt per ritratti o autoritratti, mentre altri si sono basati su dipinti esistenti del maestro. La Ronda di Notte è stata ovviamente l’opera più stimolante: ce ne sono ben 96 versioni. 

Quest’anno sono trascorsi 350 anni dalla morte di Rembrandt van Rijn (1606-1669): si tratta di un’ottima ragione per venerare l’artista e dedicargli un’attenzione maggiore, con un occhio di riguardo al diciassettesimo secolo, ma non solo. Lang Leve Rembrandt è un esempio lampante di come la sua opera possa riflettersi anche nella contemporaneità.

SHARE

Noi siamo qui 365 gg (circa), tra le 5 e le 10 volte al giorno, con tutto quello che tocca sapere per vivere meglio in Olanda.

Sostienici, se usi e ti piace il nostro lavoro: per rimanere accessibili a tutti, costiamo solo 30€ l’anno

1. Abbonatevi al costo settimanale di mezzo caffè olandese:

https://steadyhq.com/en/31mag

2. Se non volete abbonarvi o siete, semplicemente, contenti di pagarlo a noi il caffè (e mentre lavoriamo quasi h24, se ne consuma tanto) potete farlo con Paypal:

https://www.31mag.nl/abbonati/

3. Altrimenti, potete effettuare un trasferimento sul nostro conto:

NL34TRIO0788788973

intestato al direttore Massimiliano Sfregola
(causale: recharge 31mag)

Altri articoli