La direzione della compagnia aerea tedesca Lufthansa e l’unione del suo equipaggio (UFO) hanno raggiunto un accordo per un risparmio di 500 milioni di euro.

Il pacchetto di risparmio comprende il congelamento degli stipendi, la riduzione delle ore di volo e quindi la retribuzione, il congedo non pagato, le partenze volontarie e le pensioni anticipate.

“L’accordo ora raggiunto per il personale di cabina della Lufthansa fornisce la sicurezza del lavoro urgentemente necessaria”, ha detto Nicoley Baublies, capo negoziatore per l’UFO. I contributi “significano sicurezza ma anche tagli per ogni dipendente di cabina”, ha sottolineato Baublies.

“Con il pacchetto di crisi che è stato ora concordato, la compagnia può evitare il licenziamento dei 22.000 dipendenti di cabina della Deutsche Lufthansa AG”. Gli accordi raggiunti richiedono ancora l’approvazione dei membri dell’UFO”, ha comunicato Lufthansa.

“Si spera che portino a una chiara approvazione del pacchetto di salvataggio del governo tedesco”, ha dichiarato Baublies. Gli azionisti di Lufthansa si riuniranno giovedì per decidere il pacchetto di salvataggio del governo tedesco da 9 miliardi di euro. Heinz Hermann Thiele, il principale azionista della compagnia aerea, ha già annunciato che approverà il pacchetto.

La direzione e i sindacati della filiale di Lufthansa, Brussels Airlines, hanno raggiunto un accordo in principio su come riorganizzare i piani. Il numero di licenziamenti non è ancora noto, ma il taglio di fino a 1.000 posti di lavoro, ovvero un quarto della forza lavoro, era stato annunciato come misura necessaria per garantire la competitività della Brussels Airlines.