I paesi dell’UE hanno deciso di rafforzare la sicurezza delle frontiere per combattere la migrazione  tra Francia e Regno Unito. La riunione di emergenza è stata motivata dall’incidente in barca di questa settimana costata la vita a 27 migranti.

Dal 1° dicembre, il servizio europeo di sicurezza delle frontiere Frontex dispiegherà un aereo per controllare le zone costiere di Francia, Belgio e Paesi Bassi alla ricerca di trafficanti di esseri umani. Il tunnel sotto la Manica e i traghetti sono stati soggetti a un regime di sicurezza molto più severa negli ultimi anni, quindi è più probabile che i migranti scelgano la pericolosa rotta marittima con i gommoni.

Alla riunione di emergenza nel municipio di Calais hanno partecipato rappresentanti di Francia, Belgio, Paesi Bassi, Germania, Commissione europea, Frontex ed Europol. Assente il Regno Unito che ha accusato i francesi di non aver sorvegliato a dovere la frontiera comune.