Kremlin.ru, CC BY 4.0, via Wikimedia Commons

La Rotterdams Philharmonisch, l’Orchestra Filarmonica di Rotterdam, ha rotto definitivamente con il controverso direttore russo Valéry Gergiev, dice il portale Rijnmond.

L’uomo, che si dice abbia un buon rapporto di amicizia con il presidente russo Putin, perderà anche il titolo di “direttore onorario”. L’annuale Festival Gergiev è quindi annullato. Lo riporta il direttore Wiegel dell’RPhO.

La scorsa settimana l’Orchestra Filarmonica ha chiesto all’ex direttore di Rotterdam di prendere le distanze dall’intervento militare di Putin in Ucraina: se non lo avesse fatto, l’orchestra avrebbe tagliato tutti i legami con lui.

“Lunedì sera c’è stato un contatto con Gergiev e in questa conversazione il divario si è rivelato incolmabile. La Rotterdams Philharmonisch Orchestra e il Rotterdam Philharmonic Festivals sono quindi costrette a interrompere la collaborazione con il direttore. I concerti con lui saranno cancellati, così come l’NTR. Sabato Matinee. E il Festival di Gergiev cesserà di esistere”, afferma il direttore George Wiegel.

Questa rottura pone fine a una profonda collaborazione tra la Rotterdam Philharmonic Orchestra e Valery Gergiev, che risale al 1988: sebbene la fine di questa collaborazione sia una decisione dolorosa dal punto di vista musicale, entrambe le organizzazioni non vedono altra opzione, dice Rijnmond.

Gergiev è diventato direttore  dell’Orchestra Filarmonica di Rotterdam nel 1995 e il Festival che porta il suo nome si tiene ogni anno dal 1996. Nel 1999 gli è stata conferita la medaglia Wolfert van Borselen e nel 2005 è stato nominato Ridder in de Orde van de Nederlandse Leeuw.