NL

NL

L’Olanda della fede è divisa a “metà”: laici e religiosi si equivalgono

Per la prima volta nella storia dei Paesi Bassi, credenti e non credenti si equivalgono. Nel 2016, secondo un rapporto di NOS, la popolazione maggiorenne olandese è rappresentata per il 50% da atei e per il 50% da credenti.

Il più grande gruppo di credenti è composta da cattolici romani, che equivalgono al 24% della popolazione; i protestanti seguono con il 15% per cento mentre i musulmani sono il 5%. Il 6% pratica altre fedi, tra le quali buddismo, ebraismo e induismo.

L’interesse per la religione, varia da provincia a provincia: due terzi della popolazione cattolica risiede nel Limburgo. Nello Zeeland e nelle province orientali dei Paesi Bassi risiedono i cristiano-riformati. I musulmani sono, in prevalenza, a Noord e Zuid.

Uno olandese su sei va ancora a messa o frequenta una moschea o una sinagoga. Nelle province dello  Zeeland e ad Overijssel i residenti frequentano molto spesso le funzioni. La fede, resiste ancora nella Bijble Belt – la zona che va dallo Zeeland, attraverso Veluwe a comuni come Urk, Kampen e Genemuiden- con la metà degli adulti che va ancora in Chiesa.

Ad Urk, il 94 per cento degli adulti è credente e praticante.

SHARE

Noi siamo qui 365 gg (circa), tra le 5 e le 10 volte al giorno, con tutto quello che tocca sapere per vivere meglio in Olanda.

Sostienici, se usi e ti piace il nostro lavoro: per rimanere accessibili a tutti, costiamo solo 30€ l’anno

1. Abbonatevi al costo settimanale di mezzo caffè olandese:

https://steadyhq.com/en/31mag

2. Se non volete abbonarvi o siete, semplicemente, contenti di pagarlo a noi il caffè (e mentre lavoriamo quasi h24, se ne consuma tanto) potete farlo con Paypal:

https://www.31mag.nl/abbonati/

3. Altrimenti, potete effettuare un trasferimento sul nostro conto:

NL34TRIO0788788973

intestato al direttore Massimiliano Sfregola
(causale: recharge 31mag)

Altri articoli