NL

NL

L’Olanda aveva cancellato l’evacuzione di 200 persone poco prima dell’attentato

Masoud Akbari, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

I bus su cui viaggiavano circa 200 sfollati che avrebbero dovuto lasciare Kabul su un aereo olandese la notte di giovedì sono dovuti tornare indietro poche ore prima dei due attacchi all’areoporto, scrive NOS.

Gli sfollati sono stati contattati dai diplomatici olandesi che li hanno avvisati della cancellazione del loro volo per il rischio di attacchi terroristici, delle fonti hanno riportato al portale pubblico. Poche ore dopo, un attacco suicida e una sparatoria all’areoporto hanno ucciso centinaia di persone, inclusi civili, personale militare americano e talebani.

Il luogo e le circostanze in cui si trova il gruppo che sarebbe dovuto partire risultano ancora sconosciuti, ma si pensa che molti siano ancora in contatto con il servizio diplomatico. In precedenza, tre autobus che trasportavano 118 passeggeri diretti verso i Paesi Bassi erano riusciti a entrare nella zona sicura dell’aeroporto dopo aver trascorso oltre 24 ore fuori dai cancelli.

Le minacce hanno interrotto i tentativi di evacuazione giovedì, con il penultimo volo dall’Afghanistan in arrivo all’aeroporto di Schiphol venerdì mattina con 100 persone a bordo, 98 delle quali con passaporto olandese.

I Paesi Bassi hanno evacuato tramite ponte aereo circa 2.500 persone da quando i talebani hanno preso il controllo del Paese: per circa 1,600 sfollati, l’Olanda è la destinazione finale. Il gruppo comprendeva 300 interpreti e le loro famiglie e 211 membri del personale dell’ambasciata. Tra i passeggeri c’erano anche personale dell’UE e delle Nazioni Unite, attivisti per i diritti umani e persone locali che lavorano per ONG e media olandesi.

Secondo quanto riferito, circa 8.500 persone hanno chiesto all’ambasciata olandese di essere inserite nella lista di evacuazione dopo che i Paesi Bassi hanno allentato le regole per includere non solo gli interpreti e le loro famiglie, ma anche giornalisti, mediatori e persone che hanno lavorato con le truppe olandesi.

SHARE

Altri articoli