Lobby anti-fumo, club sportivi, scuole e esperti sanitari hanno lanciato una campagna per rendere Groningen la prima città “smoke free” dei Paesi Bassi. Il progetto, parzialmente sviluppato dallo specialista per le dipendenza Robert van de Graaf, mira ad estendere il divieto di fumo in più spazi pubblici possibile, anche all’aperto.

“Il fumo di seconda mano è pericoloso, ma lo è anche vedere persone che fumano”, ha detto Van der Graaf all’emittente NOS. “Spesso non ci rendiamo conto che i bambini possono avvicinarsi alle sigarette perché vedono gli adulti fumare e ritengono il comportamento normale”.

Circa il 25% della popolazione olandese attualmente fuma e 810.000 bambini crescono in una famiglia con almeno un adulto fumatore.