NL

NL

Lo Stato olandese usa droni Made in China. Sono sicuri per la privacy?

I droni cinesi che usano Rijkswaterstaat e la polizia potrebbero non essere sicuri. È quanto emerge da una ricerca della piattaforma Investico, le cui conclusioni sono riportate da Trouw, EenVandaag e De Groene Amsterdammer.

Si tratta di droni della società Da Jiang Innovations (DJI), leader di mercato mondiale nel campo degli aerei commerciali senza pilota ma vari ricercatori hanno stabilito in passato che le immagini e altri dati raccolti con i droni possono effettivamente essere trasmessi al governo cinese.

Secondo alcuni analisti, il software del drone può essere installato, addirittura, sui telefoni di coloro che lo utilizzano con un sistema di “backdoor”.

Questa è stata la ragione per cui il Ministero della Difesa olandese non ha più utilizzato i droni di DJI: i dati spesso non sono protetti e solitamente si trovano su server cinesi. “La società può essere obbligata a metterli a disposizione del governo cinese”, ha detto un portavoce della Difesa a Trouw.

La polizia ammette ad Investico che non si può escludere che i dati finiscano sui server cinesi. I droni sono già stati schierati più di mille volte quest’anno, anche per le indagini e il mantenimento dell’ordine pubblico. Spesso prendono il volo durante le manifestazioni e un drone è stato utilizzato per monitorare l’area dove ha avuto luogo l’omicidio di Peter R. de Vries ad Amsterdam.

Rijkswaterstaat utilizza droni DJI per le ispezioni di ponti e dighe contro le inondazioni, come il Delta Works. Secondo un portavoce, questo sistema offre grandi vantaggi: è più sicuro, più veloce e il traffico non deve essere interrotto.

DJI afferma in una risposta scritta a Investico che i suoi prodotti sono sicuri. L’azienda cinese indica vari studi che affermano che i dati dei droni sono al sicuro. Secondo DJI, i governi possono utilizzare uno speciale “drone governativo”, i cui dati sarebbero ulteriormente protetti.

Secondo Patrick Bolder del Centro di studi strategici dell’Aia, che si occupa di droni e sicurezza dei dati, le preoccupazioni in materia di sicurezza sono giustificate.
Prima che l’immagine venga scritta su un server, è già possibile accedervi.”

Non è la prima volta che vengono sollevate preoccupazioni sulla tecnologia cinese. Ad esempio, in precedenza era stato deciso che Huawei non potesse più partecipare a gare per l’assegnazione di elementi strutturali della rete 5G.

SHARE

Altri articoli