Mercoledì un tribunale di Bruxelles ha assolto lo Stato belga nel processo che riguarda cinque bambine “métis”, sottratte alle madri in Congo durante il dominio coloniale. Cinque donne métis – figlie nate in Congo sotto il dominio belga da madri congolesi e padri belgi – avevano fatto causa allo Stato belga per rapimento, abuso, separazione dalle loro famiglie e sottrazione della loro identità.

In giovane età, le bambine erano state portate via dalle loro madri e messe in una missione cattolica in Congo. Sulla base di questi “elementi contestuali”, il tribunale ha stabilito mercoledì che “la politica di collocare bambini métis in istituzioni religiose” non può essere considerata un crimine contro l’umanità, riferisce l’agenzia di stampa Belga News. Il caso è anche caduto in prescrizione, ha dichiarato la corte.

Tra il 1948 e il 1961, numerosi bambini métis sono stati rapiti da funzionari coloniali nel periodo precedente l’indipendenza del Congo dal Belgio. I colonizzatori belgi spesso facevano pressione sulle madri per far firmare loro documenti in una lingua che spesso non capivano o portavano via i bambini con la forza.

Poiché gli autoctoni erano costretti a vivere completamente separati dai loro colonizzatori bianchi, i bambini erano considerati “prova visibile dell’ordine coloniale sconvolto” e dovevano essere portati via dalla vista.

I bambini erano spesso spediti in posti di missione in Congo, Ruanda e Burundi, portati in orfanotrofi e istituzioni o messi con genitori adottivi in Belgio. Sulla base di documenti ufficiali dell’amministrazione coloniale, la Chiesa ha assistito ai rapimenti, secondo gli avvocati delle cinque donne métis.

Nei vecchi documenti ufficiali e nei giornali, i bambini métis erano spesso chiamati “mezzosangue”, riferendosi al fatto che solo metà del loro sangue era europeo, o “mulatti”, che ha la sua origine nella parola latina mulus, la progenie bastarda di un cavallo e un asino.

Non solo queste due parole hanno connotazioni molto peggiorative, ma si riferiscono anche solo al colore misto della pelle dei bambini. La parola métis, invece, non ha sfumature negative e si riferisce anche al background coloniale dei bambini. È la parola con cui questi (nipoti) si definiscono ora.

Nel 2019, l’allora primo ministro del Belgio Charles Michel ha chiesto scusa a nome dello Stato belga ai bambini métis prelevati dal Congo, dal Ruanda e dal Burundi. Tuttavia, i querelanti hanno ritenuto che questo non fosse sufficiente e hanno presentato una denuncia contro lo Stato. Questa era la prima volta che una denuncia sul passato coloniale del Belgio andava in tribunale.

CoverPic@public domain