Il blog è chiuso.

23.oo

Il livello dell’acqua e la portata d’acqua del Maas nel Limburgo continuano a scendere: stando a VRT, la diga regge e il flusso del fiume nel Limburgo belga continuano a diminuire. Lo riferiscono i sindaci di Lanaken e Maaseik, Marino Keulen (Open VLD) e Johan Tollenaere (Open VLD). A Heppeneert a Maaseik, la nostra giornalista Gitte Van Hoyweghen osserva che il livello dell’acqua è sceso di circa dieci centimetri rispetto al punto più alto misurato.

“Non possiamo davvero definirlo sicuro qui. Siamo ancora sotto la superficie dell’acqua del Maas. La pressione sulla diga è ancora molto alta. Resta da vedere se reggerà e quale sarà la stabilità quando l’acqua si sarà abbassata”, riferisce Gitte Van Hoyweghen, di VRT.

“Un incidente può ancora accadere con la diga, quindi chiediamo ai residenti di Heppeneert di trascorrere un’altra notte altrove”, afferma il sindaco di Maaseik Johan Tollenaere.

La pressione è ora principalmente a Geistingen e Kessenich a Kinrooi. Nei pressi di Heppeneert (Maaseik) il livello dell’acqua è sceso di 7 centimetri rispetto alle 13 ore. Gli abitanti di Heppeneert sono invitati a passare la notte fuori casa. Non è obbligatorio, ma è fortemente consigliato.

 

20.40

Il sindaco di Chaudfontaine, Daniel Bacquelaine, ha annunciato venerdì intorno alle 20:00 che altri tre corpi sono stati trovati a Vaux-sous-Chèvremont e Chaudfontaine-Source, dice VRT.

Sale così a cinque il bilancio delle vittime nel comune, dopo che giovedì sera erano già stati ritrovati due corpi. In serata, la città di Liegi ha annunciato il ritrovamento del cadavere di una persona anziana nel comune di Angleur.

Chaudfontaine è uno dei comuni più colpiti dall’alluvione e sono in corso i primi tentativi di pulizia dell’area: “È uno spettacolo apocalittico”, dice Bacquelaine. “Il danno è colossale. Le strade sono state squarciate e i marciapiedi sono scomparsi”. Le strade sono disseminate di auto in panne e dozzine di altri oggetti. “Ci vorrà tempo per ricostruire tutto. Sarà un lavoro a lungo termine, di anni”.

20.20

“Quando l’alluvione sarà finita, inizierà il vero lavoro”: uno sguardo a Verviers e Pepinster, 1 giorno dopo l’alluvione. Ora si contano i danni  a Verviers in provincia di Liegi. La situazione è drammatica, dice VRT presente con una troupe. “Nella casa dietro di me, la facciata posteriore è stata completamente spazzata via. Un’anziana signora e sua figlia vivevano lì. Di quelle persone non c’è traccia. Per loro si teme il peggio”. Oltre ai decessi accertati, sono ancora molte le persone a mancare all’appello.

19.50

Nelle province del Limburgo e del Brabante Fiammingo le inondazioni continuano, anche se ha smesso di piovere. Lo ha annunciato questo pomeriggio l’Agenzia fiamminga per l’ambiente (VMM). C’è ancora molta acqua proveniente da monte, dalla Vallonia, e i bacini di raccolta sono pieni nella maggior parte dei punti, quindi il livello delle acque rimane alto.

Secondo il VMM, non sono previste precipitazioni significative per la prossima settimana ma ci vorrà delò tempo per smaltire la quantità d’acqua scesa nelle ultime 72 ore

19.20

Conferenza stampa del premier federale Alexander De Croo e dei premier di Fiandre, Vallonia e Regione di Bruxelles. Il 20 luglio sarà giornata di lutto nazionale in memoria delle vittime dell’alluvione. Martedì prossimo ci sarà un minuto di silenzio e le celebrazioni della Festa Nazionale belga di mercoledì 21 luglio saranno ridimensionate per lo stesso motivo: molte truppe non sarebbero comunque presenti alla parata militare perché impegnate nelle zone colpite dalla calamità.  

 

17.26

Quello che ha investito Pepinster, il centro in Belgio più colpito dall’alluvione, è un vero e proprio tsunami

17.06

Nei link sotto è possibile visionare in tempo reale la situazione delle strade in Belgio. A causa dell’emergenza e dei soccorsi impegnati negli interventi, la situazione è mutevole e strade ora aperte, potrebbero in seguito essere chiuse.

Tenere presente le deviazioni e i tratti chiusi e seguire la regola generale di non viaggiare in Vallonia, se non strettamente necessario.

 

 

14:13

A Pepinster, comune dove sono crollate almeno dieci abitazioni, si cerca di sistemare il disastro lasciato dall’inondazione

13:55

Nelle Fiandre: la situazione si stabilizza ma non si escludono ulteriori allagamenti Non sono previste nuove precipitazioni nei bacini di Demer, Meuse/Maas, Dyle e Nèthe, ma questi potrebbero mantenere il loro livello elevato a causa delle piogge prolungate degli ultimi giorni. Non si possono quindi escludere ulteriori allagamenti.

12:34

L’ultimo bilancio dei morti ne conta almeno 22.

11:42

Notizia positiva: il livello dell’acqua si sta abbassando a Angleur. Ma come visibile nel video in basso, i tombini rappresentano un pericolo. Si raccomanda di prestare attenzione ai tombini nelle strade inondate, poiché meno visibili.

 

11:23

Il Palazzo reale annuncia che il Re e la Regina si recheranno alle 15:30 a Pepinster, duramente colpita dall’alluvione. Nella cittadina una persona ha perso la vita e tre sono scomparse. I servizi di soccorso sono alla ricerca di queste persone.

11:22

Le forze armate prestano soccorso in elicottero: ecco le immagini aeree.

 

10:43

La situazione migliora lentamente nella regione del Lussemburgo, secondo le fonti dei servizi provinciali.

10:36

Per le persone colpite è arrivata l’ora di andare a scoprire la portata dei danni.

Una cittadina della regione di Liegi ha il cuore spezzato vedendo lo stato della sua casa. Ha perso tutti i documenti di lavoro e i ricordi della sua infanzia.

 

10:28

Altre immagini di desolazione, questa volta a Chenée.


10:25

La situazione a Hainaut è più gestibile, secondo quanto dichiarato dalle autorità provinciali.

10:17

“Il peggio dell’alluvione sembra passato.” Ecco le immagini della stazione ad alta tensione di On, vicino Rochefort, pubblicate da Elia, gestore della rete di trasporto di energia elettrica ad alta tensione della regione.

 

10:09

Surreali le immagini di Liegi.

 

10:06

Primo elicottero NH90 della Difesa è stato utilizzato questa mattina per portare a termine le missioni di salvataggio e di evacuazione nelle zone inondate, dove alcune persone attendono ancora i soccorsi. L’elicottero è stato impiegato per salvare delle persone bloccate sul tetto della propria abitazione a Pepinster, in provincia di Liegi.

10:06

Quasi 250 interventi operati dai pompieri di Bruxelles nel corso della giornata di giovedì. Si tratta principalmente di garage, fondi stradali e tunnel sommersi.

10:04

Nei comuni di Trooz e Rocourt 40 soccorritori hanno portato in salvo 135 persone. Le immagini in un Tweet pubblicato da Security Civile.

 

09:53

40 persone, di cui 31 adulti, 9 bambini, 6 cani e 2 gatti sono stati portati al sicuro dai pompieri questa notte a Liegi.

 

09:44

Il Crisis Center Belgium condivide il 1771, numero da chiamare dalle ore 8 alle 22 in caso di domande riguardanti i danni causati dall’alluvione o per ricevere sostegno psicologico.

 

09:39

La rete ferroviaria non sarà in funzione per diverse settimane. Il trasporto resta attivo tra le grandi città vallone e Bruxelles, ma nessun treno può circolare a sud della Meuse, per proteggere i clienti e il personale. Da stamattina, inoltre, la situazione continua a peggiorare.

Le immagini qui sotto illustrano i danni causati all’infrastruttura ferroviaria. Bisogna tuttavia aspettare la fine del temporale per fare una stima globale dei danni e dei costi.

 

09:36

Ecco la testimonianza di Nadine, cittadina di Verviers. Vedendo lo stato della casa di sua suocera, in centro città, commenta: “C’è circa un metro e mezzo d’acqua all’interno dell’abitazione. Non ci saremmo mai aspettati qualcosa di simile. Non riesco a trovare le parole, non mi sarei aspettata che la situazione all’interno della casa sarebbe stata così drammatica. Servirà molto tempo per poter tornare a viverci.”

09:27

La circolazione degli autobus De Lijn in provincia del Brabante Fiammingo e di Limbourg è interrotta, annuncia la portavoce della compagnia fiamminga di trasporti.

09:27

Limbourg: la Meuse ha raggiunto il suo punto culminante a Lanaken. A Maaseik, invece, la situazione è critica: il livello dell’acqua continua a salire e dovrebbe raggiungere il culmine questo pomeriggio, secondo quanto annunciato dal governatore Jos Lantmeeters al termine di una riunione dell’unità di crisi convocata questo venerdì mattina.

09:27

Attenzione: acqua non potabile in diversi comuni, da Liegi a Namur.

L’acqua da distribuzioni non sarebbe potabile, a causa delle condizioni meteorologiche, in diversi comuni della provincia di Liegi, di Namur, di Hagrimont e persino in provincia di Luxembourg e Viesville, ha comunicato venerdì mattina la Compagnia Intercomunale delle Acque di Liegi (CILE).

09:06

Tre corpi senza vita trovati nel comune di Trooz, il bilancio morti sale a quota 14.

Il bilancio dei morti continua a crescere a causa delle precipitazioni abbattutesi sulla Vallonia a partire da mercoledì. La situazione è particolarmente drammatica in provincia di Liegi, dove tre corpi senza vita sono stati ritrovati nel comune di Trooz venerdì mattina. Purtroppo il bilancio nazionale sale a 14 decessi.

A Trooz, la prima vittima si trovava in un campo all’ingresso della cittadina. Le altre due, invece, sono state ritrovate all’interno delle proprie abitazione dai soccorsi. Giovedì sera, una donna era già deceduta in Rue de l’Elise. Tuttavia, secondo le informazioni trapelate, il decesso non sarebbe da attribuire alle inondazioni ma ad un problema cardiaco.

09.04

Nessun treno Thalys questo venerdì tra il Belgio e la Germania. Il traffico ferroviario non è solo sospeso su gran parte della Vallonia: la circolazione internazionale dei passeggeri a bordo dei treni Thalys è sospeso venerdì tra il Belgio e la Germania, come annunciato questa mattina dalla società si trasporti.

“Nessun TGV Thalys circolerà venerdì tra Bruxelles e la Germania”, conferma il portavoce Mattias Baertsoen. “A causa delle condizioni meteorologiche, la circolazione dei treni Thalys è al momento sospesa tra la Germania e Bruxelles in entrambi i sensi”. La società Thalys invita tutti i passeggeri che avevano programmato di viaggiare da o verso la Germania questo venerdì a rimandare il proprio viaggio.

08:54

Il 1771, un numero importantissimo. “Se non riuscite a mettervi in contatto con una persona affetta dall’alluvione”, dice il portavoce dell’unità di crisi, “potete chiamare il 1771. Risponderanno degli operatori della Croce Rossa che sono a disposizione per cercare informazioni e per trovare un modo di aiutarvi. Questi operatori sono anche a disposizione per prestarvi soccorso in caso foste colpiti psicologicamente dai recenti eventi.”

08:50

Il centro di Wavre è inondato: ecco le drammatiche immagini catturate da un drone.

 

08:50

Elio di Rupo, ministro-presidente della Vallonia ammette che, nella gestione dell’alluvione che ha colpito il paese negli ultimi giorni, i servizi di soccorso non sono stati efficienti. “E’ la prova che è stato fatto un errore nella riforma delle zone di sicurezza della Protezione Civile.”

08:22

Le tristi immagini di Ottignies questa mattina, pubblicate su Twitter.

 

08:17

Elio di Rupo, ministro-presidente della Vallonia: “Facciamo tutto ciò che possiamo per aiutare le vittime. Tutte le autorità sono state mobilizzate. Abbiamo preso la decisione di stanziare dei mezzi finanziari immediati affinché i sindaci possano distribuire degli anticipi a chi ne avesse bisogno.”