NL

NL

L’intelligence contro un giornalista: pubblica in un suo libro segreti di stato. Ma l’autore va avanti

L’agenzia di intelligence e sicurezza dei Paesi Bassi (AIVD) ha minacciato un giornalista del Volkskrant, Huib Modderkolk, di un’azione legale.

In caso non cancelli alcune parole e frasi dal suo nuovo libro, procederanno con la denuncia. L’episodio è accaduto agli inizi di luglio. Secondo loro, alcuni passaggi potrebbero rivelare dei segreti di stato. Il titolo del libro in questione è Het is oorlog, maar niemand die het ziet; la pubblicazione è prevista per la fine di agosto. 

La storia si concentra sul cyber spionaggio: AIVD vuole la rimozione di nomi di impiegati, fonti, operazioni e altre informazioni considerate sensibili.

Il giornalista ha apportato alcuni dei cambiamenti richiesti, ma non tutti. Si è dichiarato disponibile a dar credito all’AIVD, ma a ragion veduta; in questo particolare caso non c’è motivo di eliminare capitoli riguardanti operazioni già concluse.

L’AIVD insiste: pubblicare segreti di stato è perseguibile in termini di legge. L’intelligence contro un giornalista: pubblica in un suo libro segreti di stato. Ma l’autore va avantiPhilippe Remarque, il caporedattore di Volkskrant, difende il suo giornalista: “Fargli causa è, nella nostra ottica, del tutto inutile. Se si tratta di un tentativo di metterci pressione, allora non ha avuto successo.”

SHARE

Altri articoli