La polizia olandese ha arrestato un trentottenne siriano sospettato di pianificare un attentato terroristico. A sostenerlo è il pubblico ministero nella giornata di Giovedì. Si tratta del terzo arresto per terrorismo nella provincia di Limburgo in una settimana.

L’uomo, arrivato in Olanda nel 2014 come rifugiato e al quale fu concesso lo tatus, è stato arrestato venerdi scorso, ed era già posto agli arresti domiciliari dal Tribunale di Rotterdam.

Le autorità hanno provveduto al fermo grazie alle informazioni raccolte dal servizio di intelligence AIVD. Tuttavia, la perquisizione della casa del sospettato ha rivelato diversi dispositivi elettronici ma non ha portato alla luce nessuna arma da fuoco o esplosivo. Brunssum, dove l’uomo è stato arrestato, è anche sede del quartier generale delle forze alleate della NATO.

Non è noto se l’uomo avesse legami con gli altri due arrestati la scorsa settimana: sette giorni fa una diciottenne di Wanssum è stata fermata con l’accusa di terrorismo e cinque giorni piú tardi è toccato ad un ventottenne di Herleen.