Sette agenti ed ex agenti di polizia a Horst, nel Limburgo, sono finiti nel mirino della procura per crimini non ben identificati, dice NOS citando il portale locale De Limburger.

Non è chiaro di cosa siano sospettati esattamente gli agenti ma le loro azioni avrebbero “distrutto” dieci indagini di polizia, conclude il Pubblico Ministero. Di conseguenza, il magistrato è stato costretto a sospendere l’azione penale in questi casi o non è stato in grado di eseguire condanne già pronunciate.

Le indagini sugli agenti hanno fatto seguito a sospetti di falsi rapporti di polizia, perquisizioni illegali e violenza contro i detenuti, dice NOS. E i sospetti potrebbero essere stati condannati sulla base di prove ottenute illegalmente.

Non è ancora noto se e quando i sette agenti sospetti compariranno in tribunale. Dopo un’indagine disciplinare sugli abusi della squadra di base Horst-Peel e Maas, cinque agenti erano stati precedentemente licenziati dalla polizia e altri sei ufficiali hanno ricevuto condanne più lievi, dice NOS. Secondo De Limburger, non è chiaro quale degli agenti sospetti sia ancora al lavoro.

Gli abusi a Horst sono venuti alla luce all’inizio del 2019 e da allora, il pm è dovuto intervenire sui procedimenti in corso.