Questo lunedì lo staff di IsoSL è in sciopero: un’azione si svolge questa mattina al Valdor à Liège, uno degli ospedali del Intercommunale de soins spécialisés de Liège (psichiatria, geriatria, riabilitazione e cure palliative), colosso del settore distribuito in una trentina di siti nella provincia di Liegi, scrive RTBF.

In particolare 5 ospedali (Le Valdor ma anche Le Péri o Petit Bourgogne) e 11 case di cura sono oggetto dello sciopero. IsoSL impiega 3.500 persone: “Le trattative con il management sono a un punto morto. Dice in anticipo che non ci sono soldi ma, allo stesso tempo, offre un aumento di stipendio dal 15 al 25% per 10 dirigenti. Questo è inaccettabile!”, dice al portale vallone Jean-Pierre Lenz, presidente della delegazione CGSP all’ISoSL.

Questo sciopero di 24 ore dovrebbe avere solo un impatto limitato sull’assistenza ai pazienti.