Quattro dei sei sospetti in un duplice omicidio compiuto da una banda di motociclisti in Wagenberg l’anno scorso saranno rilasciati il prossimo 30 novembre. Gli altri due verranno estradati in Belgio per scontare il residuo di pena. Lo ha annunciato un portavoce del tribunale, rendendo note le decisioni della corte.

Secondo i giudici, i sei sospetti -di nazionalità belga-  avrebbero trascorso abbastanza tempo in custodia per questo crimine. Sarà ora consentito loro, di prendere parte al processo senza alcuna misura di custodia pendente. I sospetti dovranno rispettare alcune clausole: non potranno allontanarsi dal luogo di residenza e avranno obbligo di firma su base settimanale.

Il caso ruota attorno ai brutali omicidi compiuti a danno degli ex leader della gang No Surrender Brian Dalfour e il macedone Muljaim Naddzak, presso una casa-vacanze a Hooge Zwaluwe Wagenberg, nel mese di ottobre dello scorso anno.

Secondo gli inquirenti, gli omicidi sarebbero il risultato di un accordo non rispettato: qualcuno, avrebbe cercato di fuggire con 15 chili di cocaina e i 390mila euro pattuiti per acquistarla.

La corte ha rilasciato il sospetto Youssef C. per mancanza di prove. Roy O., Ghalid T. e L. Muhammad sono stati rilasciati per altri motivi. I due principali sospetti, Samir T. e H. Michel, sono stati liberati  ma direttamente consegnati alle autorità del Belgio, dove sconteranno condanne per altri reati di droga.