di Steve Rickinson

(Traduzione dall’inglese)

Nei Paesi Bassi la movida non è di certo irrilevante: tutte le città, sia quelle più grandi che quelle più piccole, offrono eventi in abbondanza. E molte di queste ti impegnano fino al mattino successivo – se non addirittura fino al giorno dopo. Prendiamo Amsterdam: nella capitale ci sono eventi che coprono l’intero spettro musicale; tutti i generi, tutti gli stili possibili di musica elettronica, in qualsiasi ambiente immaginabile. Si può fare un salto a De Marktkantine se si cerca la deep house, oppure a De School per musica più hipster. Si può anche ascoltare jungle e drum and bass di qualità, e non di certo in un nightclub a caso.

Cheeky Monday si tiene ogni lunedì al Melkweg, ed è l’appuntamento settimanale di drum and bass più longevo d’Europa.  Cheeky Monday è nato nel 2005 al Winston club nel quartiere a luci rosse, messo su da un gruppetto di appassionati di musica jungle. Iniziato in maniera modesta e con lo scopo di riunire appassionati la serata è diventata con il tempo uno stop obbligato sia per i turisti che per gente del posto di qualsiasi età e oggi attira regolarmente artisti di fama mondiale.

Photo Credit: Cheeky Monday

“Tutto è iniziato per puro caso,” ci racconta Loz, manager del Cheeky Monday. “Ero seduto in un coffeeshop con Brad, il mio partner d’affari, e DJ Sinistah, un nostro caro amico. Ad un certo punto, un uomo si è seduto vicino a noi e ha iniziato ad imprecare, chiedendo in giro chi volesse organizzare una festa di lunedì. Non ero totalmente convinto di promuovere qualcosa al Winston di lunedì, ma sono stato persuaso nell’organizzare qualcosina di impertinente. Per questo ho pensato di chiamarlo Cheeky Monday (cheeky è infatti la traduzione in inglese di ‘sbarazzino, impertinente’). Ho poi deciso che il volantino pubblicitario sarebbe stato giallo. E che ci sarebbe stata raffigurata una scimmia. Non ci aspettavamo molto all’inizio, ma invece si è rivelato un successo.”

In principio Cheeky Monday era un evento mensile. “È poi diventato un ritrovo bisettimanale, e infine settimanale. Ed eccoci qua: con 1280 eventi di drum & bass fino ad adesso,” ha continuato Loz. “All’inizio degli anni 2000, ci aspettavamo di avere un pubblico che contava solo un paio di centinaia di appassionati di musica jungle. Ma spesso finivano per essercene di più. E ci ritrovavamo con migliaia di persone ai nostri eventi, e la polizia e il sindaco della città fuori dal locale.”

Cheeky Monday si è svolto nel luogo d’origine fino alla chiusura del locale Winston, di recente. Dopo di che si è spostato nel paradiso della movida: il Melkweg. “Stavo pensando a cosa avrei potuto fare dopo che il Winston ha chiuso. Per fortuna, ho ricevuto una chiamata dal Melkweg,” racconta Loz. “Sono stati molto solidali su quello che facciamo ed erano favorevoli a mantenere la vibe underground che caratterizzava gli eventi. E quindi abbiamo portato le persone con noi. Sono infatti le persone e la loro vibe a caratterizzare Cheeky Monday.”

Photo Credit: Cheeky Monday

Come si può immaginare, nell’arco di 15 anni ne sono passati molti di DJ alla consolle di Cheeky Monday. Di questi, Loz sostiene che ce ne siano stati alcuni che spiccano in particolare modo. “Una volta abbiamo ospitato DJ Storm, ovvero la prima donna a suonare drum & bass,” ha detto Loz. “Ed è stato nella stessa sera in cui ha suonato anche MC Skibadee! Invece negli ultimi tempi c’è stato Chrissie Chris: un vero mago della drum and bass… magnifico da ascoltare! Ora come ora invece, c’è un artista in particolare nella nostra wishlist: Andy C.”

Oltre ad una scaletta di artisti accattivanti, qualsiasi nightclub necessita di una solida squadra che consenta di mantenere una buona qualità sul lungo periodo. “Molti di questi sono ancora con noi dai primi eventi,” racconta Loz. Bass80 e DJ Sinistah suonano ancora. Col tempo si sono anche aggiunti DJ Loco e Adi-j, due vere forze della natura. DJ Insom è colui che mantiene la giusta vibe. Ogni volta che suona, tutto il pubblico è felice. Lo stesso vale per DJ Spud. Invece, DJ Tradesman suonava jump up un tempo, mentre adesso si cimenta più sul deep. Un ragazzo da tener d’occhio senza dubbio!”

Riguardo il suo ruolo da manager di Cheeky Monday, Loz lo commenta così: “Amo fare pubblicità. Amo organizzarla. La amo tanto. E amo anche distribuire volantini in giro.” E ciò si vede benissimo. Londinese, ma residente nei Paesi Bassi ormai da anni, Loz è un autentico discepolo della musica jungle e drum and bass.

Nelle prossime settimane Cheeky Monday ospiterà artisti come Aphrodite, Nicky Blackmarket, Bryan Gee, e molti altri. Continua così ad essere uno dei punti focali della nightlife della città (ma anche di quella del Paese). “Penso che non abiterei più ad Amsterdam se non fosse per Cheeky Monday,” dice Loz leggendo sui social commenti dei clienti abituali.