Source pic: politie.nl

Taghi, il super-latitante della Mocro Maffia in fuga da anni, arrestato ieri a Dubai potrebbe non essere consegnato alla giustizia olandese. Il paese, infatti, non ha accordi formali di estradizione con l’Emirato e ciò rende la situazione molto difficile sul piano giudiziario.

Taghi può opporsi alla sua estradizione nei Paesi Bassi, ha dichiarato l’avvocato Geert-Jan Knoops a NOS e non è escluso che le autorità di Dubai respingano la richiesta. È possibile, in assenza di altri appigli, che l’Olanda chieda la consegna sulla base di un trattato anticorruzione delle Nazioni Unite del 2003 ma tale trattato ha dei paletti specifici: vale per criminalità organizzata legata a frodi, corruzione e riciclaggio, dice ancora l’esperto, non riguarda omicidi come nel caso del latitante della Mocro Maffia.

La polizia e la magistratura, tuttavia, sono fiduciose che l’estradizione avrà successo: il dialogo con le autoritò dell’Emirato sarebbe già in fase avanzata. Taghi è il principale indiziato nel cosiddetto processo Marengo, uno dei più importanti processi all’underworld criminale olandese.