The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

NL

L’esperto: prepariamoci ad un’invasione di ratti in Olanda



Nei prossimi anni le città olandesi potrebbero essere invase dai ratti. I disagi causati dai roditori peggioreranno notevolmente, e potrebbero diventare paragonabili a quelli causati dal bruco della processionaria della quercia. A lanciare l allarme è Bastiaan Meerburg, ricercatore dell’Università di Wageningen e direttore del centro di conoscenze sugli animali infestanti -KAD. Il ricercatore chiede quindi uno studio sul comportamento di questi animali, in modo che l’infestazione possa essere prevenuta e combattuta efficacemente.

“Mi aspetto che i fastidi peggiorino davvero molto”, ha detto Meerburg al giornale. “A Nijmegen come altrove si vedono già molti ratti, e ciò comporta sempre più a problemi”. Secondo l’Università di Wageningen ci vorranno diversi anni per studiare come e dove vivono i ratti. Ma ciò sarà necessario per capire cosa possono fare i comuni per combattere i roditori. Ci sono molte motivazioni dietro all’aumento esponenziale dei ratti nel paese. “I Paesi Bassi sono sempre più densamente popolati e la pulizia che si riusciva a mantenere negli anni ’60 e ’70 è in declino”, ha detto Meerburg. Una popolazione più densa significa più rifiuti, e dove ci sono rifiuti ci sono ratti. “Inoltre, i comuni stanno investendo sempre meno nella manutenzione degli spazi esterni. E così si verificano automaticamente più disagi”. A ciò si aggiunge il fatto che i veleni per topi sono vietati sempre più spesso.



“A livello comunale è complicato avere un quadro chiaro di come agire,” ha commentato Meerburg spiegando che bisogna capire “il ritmo della città”, per così dire, per sapere come intervenire al meglio”, ha detto Meerburg al giornale. Ad esempio, è una buona idea ripulire immediatamente la spazzatura ed i cibi lasciati in giro dopo mercati e festival. Ma bisognerà anche capire dove e quando si accende la movida: “andare a cercare i falafel mangiati a metà e gettati per strada tra i fumi dell’alcol.” “Un’altra possibilità sarebbe sviluppare dei sensori per individuare rapidamente guasti e problemi al sistema fognario, perché si sa che là ci saranno molti ratti”.

Alla fine di quest’anno, l’istituto di sanità pubblica RIVM presenterà una valutazione delle politiche adottate dai comuni olandesi riguardo ai roditori.






31mag.nl è un progetto indipendente di giornalismo partecipativo.
Raccontiamo gli esteri da locals, non da corrispondenti o inviati.

Diamo il nostro apporto all’innovazione nei media con news,
reportage e video inediti in italiano. Abbiamo un taglio preciso ma obiettivo.

RECHARGE US!