Vysotsky (Wikimedia), CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons (recropped)

Gli studenti del programma di studio per infermieristica presso la Hogeschool Leiden hanno boicottato un esame a Hooglandse Kerk martedì, perchè hanno ritenuto che non fosse corretto riunirsi con altri duecento studenti per il test. Le regole Covid, infatti, li dispensano dal numero massimo ma alcuni, dice Omroepwest, temono per la salute dei cari più anziani.

I College e le Università sono esclusi da un numero massimo di persone per le riunioni. Tuttavia, Luc è rimasto sorpreso quando ha visto l’elenco dei nomi delle persone che devono sostenere l’esame. “Se [solo] a trenta è consentito partecipare a un matrimonio, riteniamo sia assurdo che a duecento studenti sia consentito sedersi insieme per diverse ore contemporaneamente per sostenere un esame. Soprattutto quando ci sono molte alternative digitali sicure per questo “, ha detto uno studente del secondo anno al portale Sleutelstad.

Un altro studente, dice di aver scritto alla commissione sperando di ottenere maggiori informazioni sull’esame ma non avendo ottenuto risposta, ha ritenuto che non valesse la pena correre il rischio. Per lo studente è singolare che un test in questa situazione venga proposto proprio  chi studia in un ambito a rischio Covid come l’infermieristica, quindi persone -si presume- con maggior sensibilità alla questione dei contagi.

Alla fine, dice la Hogeschool Leiden, sono state dodici persone a non sostenere l’esame ma per i “ribelli” non c’è rischio di non superare la prova. La scuola fa appello alla responsabilità degli studenti e sostiene di aver aderito alle regole Covid.